Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Conclusione della XVII Settimana della Lingua Italiana in Corea del Sud.

Data:

26/10/2017


Conclusione della XVII Settimana della Lingua Italiana in Corea del Sud.

Si e' conclusa la XVII edizione della Settimana della Lingua Italiana a Seoul, che ha visto coinvolti festival, istituzioni artistiche specializzate nel settore del cinema e dipartimenti di Italiano delle Universita' di Hankuk (Seoul) e Busan. Gli eventi hanno registrato un successo di pubblico di settore, in gran parte giovanile, e particolarmente interessato alla tematica proposta.

La Settimana della Lingua e' stata aperta il 18 ottobre con la Cerimonia di apertura dell'"Italian Film & Art Festival", giunto alla sua XIII edizione. All'interno dei locali del Festival sono state dedicate tre mostre fotografiche alla filmografia di Paolo Sorrentino (in particolare ai film "Cliciack" e "Youth") e una al Cinema coreano girato e ambientato nel nostro Paese. E' stata poi lanciata la rassegna “10 Corti in giro per il Mondo” con la proiezione di due cortometraggi, "La partita lenta" di Paolo Sorrentino e "Buffet" di Alessandro D’Ambrosi e Santa De Santis. All'ideatrice del Festival, Dottoressa Jung Lanki, e’ stata conferita l'onorificenza di Cavaliere dell’Ordine della Stella d’Italia.

Nel corso della settimana si sono poi susseguiti ulteriori appuntamenti ed eventi, tra cui una rassegna di documentari denominata "Histoire d'It 2017" presso il prestigioso “Gana Insa Art Center” di Seoul, dove sono stati proiettati cinque documentari, selezionati dal critico ed esperto di cinema Mazzino Montinari. Per i 150 anni della nascita del grande autore italiano Luigi Pirandello e' stata dedicata una rassegna speciale con la peroiezione, nello stesso Centro, di cinque sceneggiati teatrali del celebre drammaturgo, scrittore e poeta siciliano.

Il 22 ottobre e’ stata dedicata la giornata a "Il Mondo dell'Animation italiano", settore particolarmente apprezzato dal pubblico coreano, con una conferenza tenuta da due registi e critici cinematografici italiani, Luca Scanferla e Giuseppe Squillaci. A latere della conferenza e' stata proiettata una loro opera di animazione che ha raccolto particolare apprezzamento tra i presenti.

L'Universita' di Hankuk ha ospitato, il 24 ottobre, presso il Dipartimento d'Italiano una Conferenza dell'autore e critico cinematografico italiano, Roberto Pazzi, sull'importanza e il ruolo dell'italiano al cinema. L'autore, nell'ambito della promozione integrata della letteratura e dell'editoria italiana, ha presentato la traduzione in coreano della sua opera "Cercando Imperatore", dedicata alla rivoluzione bolscevica nella Russia zarista.

E' stato, inoltre, organizzato a Busan, in collaborazione con il Prof. Campitelli, Console onorario italiano e lettore presso la Busan University of Foreign Studies (BUFS), un concorso di saggio orale per gli studenti d'italianistica della locale Universita' sul tema della Settimana. In premio ai vincitori, un biglietto per l'Italia e una crociera offerti rispettivamente da Alitalia e da Costa Crociere, sponsor della giornata; tre borse di studio brevi presso scuole private di lingua in Italia, e un esame gratuito CILS offerto dall'Universita' per Stranieri di Siena. Prevista anche una promozione del nostro sistema universitario con la presentazione dell'Universita' Ca' Foscari di Venezia con gli studenti partecipanti allo scambio culturale Ca' Foscari- BUFS.

A conclusione della XVII edizione della Settimana della Lingua italiana in Corea, l’Ambasciatore d’Italia in Corea, Marco della Seta, ha ospitato, in Residenza, un incontro con le Autorita' accademiche, i Professori, i lettori, i traduttori, gli interpreti e gli studenti d'italiano. Nel ringraziarli per quanto fanno nella promozione del nostro idioma e la nostra cultura, egli ha ricordato loro la valenza e l'importanza culturale dell'italiano all'estero come lingua connessa all'idea di bellezza e qualita', strettamente legati a loro volta allo stile di vita italiano che qui riscuote particolare apprezzamento.

 


310