Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Programma di borse di viaggio per giovani ricercatori italiani, interamente finanziato dall'Ambasciata d'Italia a Seoul

Data:

08/07/2020


Programma di borse di viaggio per giovani ricercatori italiani, interamente finanziato dall'Ambasciata d'Italia a Seoul

Il programma di borse di viaggio per giovani ricercatori italiani, interamente finanziato dall'Ambasciata d'Italia a Seoul, e' giunto quest'anno alla sua sesta edizione. Unica iniziativa di questo genere tra le sedi diplomatiche italiane, ha da sempre riscosso un notevole successo tra la comunita' scientifica italiana come dimostrato sia dalle numerose domande pervenute che dalla qualita' delle proposte elaborate dai candidati.

Le visite, pur nella loro limitata durata temporale, hanno consentito l'instaurarsi di rapporti scientifici ed anche personali tra i giovani ricercatori italiani e le controparti coreane. Questo risultato, principale obiettivo della nostra iniziativa, ha inoltre spesso condotto a concrete collaborazioni scientifiche e a stabili contatti tra i gruppi di ricerca dei due Paesi.

Recentemente una di queste collaborazioni in atto e frutto del programma di borse di viaggio, ha portato ad una pubblicazione scientifica congiunta, raggiungendo dunque un risultato di prestigio che va oltre le nostre migliori aspettative.

Responsabile italiano di questo prestigioso risultato e' il Dott. Matteo Ghidelli che nel 2017 ha usufruito di una borsa di viaggio e si e' recato presso l'Ulsan National Institute of Science and Technology (UNIST). Allora ricercatore presso il Dipartimento di Energia del Politecnico di Milano, sotto la supervisione del Prof. Andrea Li Bassi, il Dott. Ghidelli e' riuscito negli anni a seguire a costruire un progetto di ricerca congiunto con i colleghi coreani della UNIST che si e' tradotto in una recente pubblicazione su una prestigiosa rivista scientifica. 

Complimenti a Matteo Ghidelli e al gruppo del Politecnico di Milano e un sincero ringraziamento per aver riconosciuto il nostro sostegno nei ringraziamenti finali. 


494